Quando mangiare la frutta


La frutta fa bene solo quando viene mangiata in maniera corretta.
Mangiare la frutta alla fine di un pasto completo, è un'abitudine italiana molto diffusa, ma in genere errata, in quanto si prolunga il processo di digestione e l'assorbimento dei suoi principi nutritivi, creando fermentazione intestinale, perché il frutto si mette "in coda" agli altri alimenti, creando un senso di pesantezza.

Ma ci sono delle eccezioni : 
1) Le mele, che per la loro composizione e leggerezza, oltre a favorire la digestione, sono anche indicate per la prevenzione e cura delle malattie intestinali di tipo infiammatorio (colite, ulcera, acidità, ecc).

2) i frutti "acidi" come ananas, kiwi, fragole, uva ed agrumi che possono essere a abbinati a piatti di carne e pesce, in quanto ne favoriscono l'assimilazione oltre che aiutare a bruciare i grassi. 

Quindi il momento migliore per mangiare la frutta è a stomaco vuoto o lontano dai pasti (3 ore prima del pasto) perché viene digerita in circa mezz'ora, quindi 
- a colazione, magari abbinata a latte vaccino o di soia 
- come spuntino a metà mattinata o metà pomeriggio

Infine ricordo che è raccomandato il consumo di 5 porzioni di frutta al giorno.

Fab

LEGGI ANCHE


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento