Il gelato fa bene?


Il gelato per la sua composizione nutrizionale equilibrata può essere considerato un sano sostituto del pasto o un ottimo integratore.

Le origini del gelato sono antichissime, se ne parla nella bibbia, quando Abramo porge al figlio Isacco del latte di capra misto a neve, dicendogli "Mangia e bevi, il sole è ardente e così puoi rinfrescarti".

Ma se parliamo del gelato come lo si conosce attualmente, si risale all'epoca rinascimentale quando un cuoco di nome Ruggeri preparò dei gelati in occasione delle nozze di Caterina dei Medici.

I maggiori consumatori di gelato sono i paesi nord americani e nord europei, che lo consumano di più sia in estate che in inverno, mentre in estate i maggiori consumatori sono gli italiani, seguiti dai tedeschi.

Il gelato industriale è caratterizzato dal fatto di essere prodotto molti mesi prima del consumo, con l'impiego di preparati e di materie prime come latte in polvere, succhi di frutta concentrati, e di additivi come coloranti, emulsionanti, stabilizzanti e aromi. Inoltre durante la fase di congelamento, per renderlo soffice e cremoso, viene aggiunta una grande quantità di aria.
Il gelato artigianale, in genere utilizza ingredienti freschi e viene prodotto dallo stesso venditore, ha una minore quantità di grassi (quasi la metà) ed una minore quantità di aria (la metà) rispetto al gelato industriale.
L'utilizzo di ingredienti freschi, aumenta la deperibilità del prodotto, che va quindi consumato entro pochi giorni dalla sua produzione.

Artigianale non è sempre sinonimo di qualità, tutto dipende dalla qualità degli ingredienti utilizzati (latte, frutta, cioccolato, ecc).
Se la lista degli ingredienti usati non è esposta nel negozio, è possibile richiederla, ed il gelataio per legge è tenuto a consegnarla.

Al di la del fatto che sia artigianale o industriale, dal punto di vista nutrizionale il gelato è un prodotto valido : fornisce proteine, grassi, vitamine e sali minerali zuccheri


Proteine
Diversi studi, hanno confermato l’elevata presenza nel gelato di proteine di alto valore biologico (quelle del latte e dell’uovo), ricche di amminoacidi essenziali, facilmente digeribili e assimilabili, fondamentali nei processi di crescita, di differenziamento e di mantenimento dei tessuti.
Se poi consideriamo, gelati a base di soia, allora il valore proteico sale decisamente in qualità.

Grassi buoni
Grassi di buona qualità sono presenti principalmente nel latte. 
Questi grassi contengono infatti acidi grassi “a catena corta”, che vengono consumati velocemente dal nostro organismo. 
Nel gelato troviamo inoltre una buona percentuale di acido oleico che, fra l’altro, è utilizzato a livello muscolare.

Vitamine e sali minerali
Buono anche l’apporto di micronutrienti come le vitamine e i sali minerali. 
Il latte fornisce infatti, vitamine A e B2 (riboflavina), calcio e fosforo, con quantità di sodio molto ridotte. 
Nei gelati al cioccolato si hanno inoltre buoni livelli di vitamina E.
Infine, i gelati al caffè e al cioccolato, con biscotto e su stecco ricoperto, contengono polifenoli, sostanze con proprietà antiossidanti.

Zuccheri
Lattosio e saccarosio sono i due zuccheri presenti. Di rapido assorbimento, sono una fonte immediata di energia, specialmente per il tessuto nervoso e i globuli rossi, importanti nell'età evolutiva, nella vecchiaia e nel recupero dello sportivo dopo l’attività agonistica.
Il gelato artigianale non contiene solamente saccarosio, ma discrete percentuali di lattosio, glucosio e fruttosio: questi ultimi due, essendo dei monosaccaridi, sono immediatamente disponibili sotto forma di energia.

Nei prodotti con cialda o biscotto si registra inoltre la presenza di amido: la sinergia nutrizionale di latte e cereali fanno del gelato un alimento equilibrato nei vari nutrienti e di rapida utilizzazione metabolica.

Antiossidanti
Il gelato, specie quello al caffè e al cioccolato, è una preziosa fonte di antiossidanti (polifenoli).
La capacità antiossidante del gelato alla frutta, invece, è minore: la vitamina C presente in questa varietà subisce, infatti, un processo di ossidazione durante la preparazione e risulta meno efficace nel contrastare i radicali liberi.

Concludendo, possiamo sostituire un pasto tradizionale con un buon gelato artigianale, specialmente nelle giornate torride estive, quando magari non abbiamo tanta fame o voglia della solita pasta asciutta.

LEGGI ANCHE
5 cibi per l'estate
Radicali liberi ed antiossidanti
Cioccolato, la scelta migliore
Latte di mucca o latte di soia ?

Fab

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento