Aloe, un aiuto per l'epatite


L'Epatite è una infiammazione cronica virale del fegato che può degenerare in cirrosi epatica e tumori. 
A seconda del virus che infetta le cellule epatiche possiamo distinguerne 3 diverse forme principali: 

Epatite A
E' un'infiammazione acuta del fegato causata dal virus HAV, che colpisce direttamente questo organo. E' un virus molto diffuso in tutto il mondo ed è legato al livello igienico di una popolazione. 
In Italia l'epatite A è molto frequente e colpisce 3 persone ogni 100.000 abitanti: si contano circa 1500 casi all'anno.

Si trasmette per via oro-fecale attraverso l’ingestione di cibi e bevande contaminate da acque sporche.

I più colpiti generalmente sono gli adulti, almeno nei paesi industrializzati, mentre i bambini sono ancora molto a rischio di contrarre l’infezione nei paesi poveri.

Nella maggior parte dei casi non compare alcun sintomo, raramente compaiono affaticamento, febbre, nausea o vomito, feci chiare, una colorazione gialla degli occhi e della pelle chiamata ittero, urina color scuro, dolore al fianco destro che si può diffondere alla schiena.

L’epatite A è caratterizzata da un’evoluzione spontanea verso la guarigione completa e nel 90% dei casi si presenta in forme acute benigne.

Epatite B
L'epatite B è una forma virale causata dal virus dell'epatite B (HBV). 
Si tratta di uno dei virus più infettivi al mondo che si trasmette tramite sangue infetto o tramite rapporti sessuali non protetti. 

La malattia è di difficile individuazione poiché i malati possono anche non presentare sintomi ed essere considerati portatori sani.

L’infezione da virus dell’epatite B può evolvere in 4 differenti modi: 
- decorso acuto e acquisizione della immunità dall’infezione (90%), 
- epatite fulminante con mortalità del 90% (1%), 
- infezione cronica (5% circa), 
- portatore inattivo (5%).

Oggi gli italiani di età inferiore a 30 anni sono protetti contro questo virus, mentre nella popolazione di età superiore circa il 15% degli individui ha naturalmente acquisito anticorpi anti HBV protettivi grazie a infezioni spontaneamente guarite.

Molto infatti dipende dall'età: praticamente molti degli adulti che si infettano guariscono spontaneamente mentre gran parte dei neonati e dei bambini con epatite B cronicizzano, ecco perché si vaccinano contro l’epatite B i neonati e non gli adulti.

Epatite C
E' una infiammazione acuta e cronica causata dal virus HCV. 
La distribuzione del virus è universale. 
L'infezione colpisce circa il 3% della popolazione mondiale. 
L'Italia è il Paese europeo con il maggior numero di persone positive al virus dell'Epatite C, con una  percentuale di soggetti infetti va dal 3 al 15 %. 
Le forme acute sono 500-600 all'anno.
Il 60 – 70% delle persone che si infettano con il virus dell'epatite C sviluppa una epatite cronica che, se non curata, con il tempo può trasformarsi in cirrosi o favorire lo sviluppo del cancro del fegato.
  
La condivisione di aghi o siringhe è oggi il maggior fattore di rischio di contrarre la malattia. 
Altri fattori includono procedure ospedaliere e ambulatoriali, il tatuaggio e il body piercing eseguiti in ambienti non igienicamente protetti o con strumenti non sterilizzati.

Il 70% delle persone contagiate da questo virus non ha sintomi; quando compaiono, sono gli stessi della epatite A o B.

Tra i soggetti infettati, dal 50 all’80% diventano portatori cronici del virus e una buona parte di essi sviluppa un'epatite cronica. 
Il 30% poi sviluppa una cirrosi e una parte di essi va incontro al cancro del fegato dopo un periodo variabile tra i 10 e i 30 anni.

In caso di epatite, il succo di aloe vera può essere d'aiuto in combinazione con la terapia farmacologica.

Infatti si è notato come l'uso continuativo di Aloe determina nelle cellule epatiche un miglioramento delle loro funzionalità.

L'acemannano attiva il sistema immunitario, rinforzando il potere fagocitante delle cellule killer T e B ed assieme a vitamine liposubili, quali A, C ed E con l'acido folico, ripristina velocemente l'attività delle cellule epatiche, compromesse dall'infiammazione.

Per avere questi benefici, si consiglia l'assunzione di Aloe al 100% 3 volte al giorno nella quantità di 40 ml.

Fab



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento