Il metabolismo (6) - errori comuni


Ci sono delle abitudini e situazioni che senza saperlo causano un rallentamento del metabolismo, vediamole.

Saltare i pasti principali
Come abbiamo già visto in un articolo precedente, il metabolismo per funzionare bene e non farci ingrassare ha bisogno di regolarità, quindi saltare i pasti principali e mangiare quando capita è sbagliato.

Saltare la colazione è sbagliato, perché una buona colazione ci fornisce la carica per iniziare la giornata nel modo corretto, saltarla, significa rallentare il metabolismo ed essere stanchi per tutto il giorno.

Se capita di svegliarsi con poca fame o lo stomaco chiuso, si può fare un piccolo spuntino e poi a metà mattinata fare una merenda più sostanziosa (es. yogurt, frutta fresca e cereali).

Assumere cibi di scarsa qualità
La qualità del cibo che assumiamo è importante per il buon funzionamento del metabolismo.
Merendine, biscotti e dolci confezionati generalmente andrebbero evitati perché sono spesso troppo ricchi di grassi, zuccheri semplici ed additivi che oltre a rallentare il metabolismo non fanno bene alla salute.
Una buona scelta è acquistare dolci in panetteria o pasticceria o ancora meglio prepararli in casa.

Anche i cibi elaborati, preconfezionati, conservati ed industriali contengono troppe tossine.

Vanno sempre preferiti cibi freschi e naturali.

Consumare solo insalate
Molto spesso si pensa di fare una settimana di dieta a base di insalate e verdure per perdere peso in poco tempo.
Sbagliato !!

Una dieta ipocalorica restrittiva ha solo apparentemente effetti dimagranti.
Alla fine della settimana il metabolismo sarà sconvolto dal digiuno, ed il corpo sarà portato ad assimilare tutto ciò che può con la conseguenza che i chili persi verranno ripresi in breve tempo.

Bere poco
Come abbiamo visto in Metabolismo 2 una buona idratazione durante tutta la giornata mantiene attivo il metabolismo.
Quindi occorre bere acqua spesso e volentieri durante la giornata.

Tenere idratato l'organismo fa dimagrire ed innesca un meccanismo di depurazione.

Mangiare di notte
La notte è il momento del digiuno ed in queste ore è vietato mangiare per non alterare il buon funzionamento del metabolismo, quindi niente cene o spuntini di mezzanotte.

Uno studio universitario dimostra che ciò che si mangia dopo cena è poco gratificante per l'organismo e che quindi la quantità che si assume è spesso ben superiore al normale.

Basti pensare che se abbiamo voglia di dolce dopo qualche ora dopo cena, non ci basta ad esempio un solo biscotto, ma ce ne vogliono almeno due o tre.

Una buona soluzione è quella di mangiare un frutto fresco di stagione oppure prendere una tisana rilassante che spegne la fame nervosa ed aiuta a prendere sonno.

Dormire poco
Dormire poco per diversi giorni rallenta molto il metabolismo e porta al sovrappeso.

Tensione e stress
Lo stress continuo per lunghi periodi produce una quantità eccessiva di cortisolo, l'ormone dello stress che fa aumentare la fame, provoca squilibri metabolici e funzionali oltre che problemi cardiovascolari.

Essere sedentari
Per attivare il metabolismo occorre muoversi.
Se non ci piace andare in palestra o fare sport, basta andare in bicicletta o camminare a passo spedito per 2-3 volte alla settimana per almeno 30 minuti.

In questo modo di bruciano i grassi, si abbassa il cortisolo (ormone dello stress che provoca l'obesità) e si stimola la produzione di neurotrasmettitori che provocano una sensazione di benessere.

Fab

LEGGI ANCHE
- Il metabolismo (5) - come attivarlo (parte 4)
- 10 consigli per dormire meglio
- Camminare: 7 benefici


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento