Aloe, un aiuto per l'artrite reumatoide


Con il nome generico di artrite si indica una vasta gamma di infiammazioni nei punti di congiunzione delle ossa, quindi gomiti, polsi, ginocchia, caviglie, ecc.
Ne esistono forme croniche (non curabili e peggiorative) e acute (risolvibili).

L'artrite reumatoide è una forma cronica, che generalmente interessa polsi, ginocchia e piedi.
La condizione è dovuta ad una reazione anomala del sistema immunitario che erroneamente riconosce le articolazioni come strutture estranee dalle quali difendersi e quindi da attaccare.

I soggetti più a rischio sono le donne tra i 40 e 60 anni, ma può colpire anche uomini e bambini.
E un disturbo che risale a tempi antichissimi, infatti, sembra che ne soffrisse anche Cristoforo Colombo.

I sintomi iniziali del disturbo possono essere vari
  • Dolore e gonfiore alle articolazioni;
  • Rigidità articolare, che si manifesta maggiormente la mattina e dopo l'attività fisica;
  • Deformità articolari (soprattutto a livello delle piccole articolazioni delle mani);
  • Febbre;
  • Dimagrimento;
  • Ipotrofia muscolare e anomalie tendinee;
Alcune persone possono diventare anemiche, accusare secchezza e dolore ad occhi e gola.

In genere le terapie per l'artrite prevedono una combinazione di farmaci, esercizio fisico e cambiamento di abitudini alimentari

I farmaci sono utili soprattutto in uno stadio iniziale per controllare dolore e infiammazione. 
Quelli più comunemente impiegati sono i cortisonici, farmaci con effetto immunosoppressore, FANS e DMARDs, che controllano i sintomi dovuti al coinvolgimento articolare.

Un fisioterapista può avviare un programma di ginnastica terapeutica che può includere esercizi di mobilità, isometrici, aerobici e isotonici. È stato, infatti, dimostrato che questi esercizi migliorano diversi sintomi, tra cui dolore e gonfiore alle articolazioni, spossatezza, senso di malessere e depressione. I benefici si sono potuti vedere anche in pazienti molto anziani!

Una dieta ricca di antiossidanti (vitamina C ed E, selenio, betacarotene) è molto consigliata a chi soffre di artrite reumatoide. E’ inoltre importante il consumo di frutta, verdura e pesce per che garantisce un buon apporto di omega 3. Da limitare il consumo di carni rosse.

Esperti di medicina naturale hanno rilevato che l'eliminazione delle Solanacee (patate, pomodori, peperoni e melanzane) dall'alimentazione quotidiana contribuisce alla riduzione dei dolori articolari.

Il gel di Aloe Vera, con il suo potere antinfiammatorio e immunostimolante è di grande aiuto come terapia di base per questa problematica.
Infatti, grazie all'importante proprietà antinfiammatoria degli acidi cinnamico e crisofanico, e del mucopolisaccaride acemannano, l'Aloe Vera è in grado di attenuare il dolore e migliorare la motilità dell'articolazione infiammata.

Per contrastare l'artrite reumatoide si consiglia l'uso sia del gel (per uso topico), sia del succo da bere. 

Il gel di Aloe Vera, applicato direttamente sulle articolazioni gonfie e doloranti, fornirà sollievo da immobilità e dolore grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.

Il succo di Aloe da bere, invece, contribuirà da dentro ad avere meno dolore e gonfiore. 
Se ne consiglia l'assunzione giornaliera prima di colazione e pranzo.

Fab

LEGGI ANCHE
Aloe, un aiuto per stiramenti e strappi muscolari
Aloe, un aiuto per piedi e gambe gonfie

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento