Il caffè di cicoria


E' un caffè che si ottiene dalla tostatura delle radici della cicoria.

Il caffè di cicoria in Italia si usava in tempo di guerra, come surrogato, in quanto il caffè tradizionale era molto costoso, ma il suo utilizzo risale addirittura al periodo napoleonico.
Attualmente viene ancora utilizzato nei paesi del nord europa.

Benefici
  • Stimola il sistema nervoso, favorendo la concentrazione;
  • Combatte il sonno e l’astenia;
  • Ha un leggero effetto lassativo;
  • Stimola la digestione ed il drenaggio del fegato;
  • Stimola la sensazione di pienezza.

Controindicazioni
E' controindicato in gravidanza e a chi ha problemi di calcoli, gastrite ed ulcera.

Preparazione
Si raccolgono le radici della pianta, e dopo averle accuratamente lavate, si tagliano a rondelle e si lavano di nuovo, si lasciano asciugare e si riducono a pezzettini, si dispongono per circa 2 ore in forno a 220° C, lasciando lo sportello aperto per far uscire l’umidità.

A tostatura avvenuta, i pezzetti ottenuti, si macinano come fossero chicchi di caffè e si utilizzano direttamente nella moka oppure si fanno bollire per pochi minuti in acqua per poi filtrare con un colino.

Al primo impatto sembra di bere un caffè amaro, con un retrogusto dolce, ma una volta che ci si è abituati, sarà difficile farne a meno.

Fab

LEGGI ANCHE
5 motivi per bere caffè e 10 per non farlo
Le onde beta : studio e concentrazione
La stanchezza

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un commento